#Faber lanciò per prima, nel lontano 1955, il primo modello di cappa aspirante per cucina. Fedele a questa sua tradizione fatta di primati e avanguardia a livello internazionale, l’azienda ha recentemente presentato un prototipo chiamato J-Project.

L’evento che ha ospitato questa anteprima è stata l’ultima edizione a Roma del Maker Fire, importante manifestazione dedicata all’innovazione tecnologica.

cappa-j-project-sarracino-1

Con questo apparecchio, sviluppato da 6 giovani progettisti, Faber anticipa il futuro: si tratta infatti del primo modello di cappa a livello mondiale completamente open source basata sul sistema Arduino. Questo vuol dire che l’apparecchio è completamente personalizzabile nelle sue funzioni secondo l’esigenza del fruitore, mediante aggiunta di sensori e moduli.

 

Va ricordato che recentemente Windows 10 è stato certificato Arduino, quindi si aprono scenari nuovi nella possibilità di progettare apparecchi “smart” in grado di rispondere in pieno al concetto di IoT ( Internet of Things ) che è il mood verso cui tutti i più importanti produttori di elettrodomestici per la casa stanno indirizzando i loro investimenti.

L’apparecchio va oltre la funzione di cappa e consente di controllare, mentre si sta cucinando, lo stato di umidità dell’aria e la presenza di agenti inquinanti. Inoltre consente di navigare in internet per seguire i notiziari, consutare ricette on line, controllare le pagine social personali.

Il modello è a sviluppo perfettamente verticale, una soluzione permessa dall’esclusivo gruppo motore Nautilus, un’unità che consente di avere prestazioni importanti unite a consumi ridottissimi ( la cappa è in classe A ) e grande silensiosità.